Self publishing o editoria tradizionale? Intervista a tre scrittrici youcaniane

A Tempo di libri c’erano anche loro, gli youcaniani. Sto parlando di chi pubblica i propri libri attraverso la piattaforma di self-publishing Youcanprint, una delle più note ed utilizzate in Italia. Self-publishing, in poche parole, significa fare tutto da soli: scrivere il libro, (auto)pubblicarlo, promuoverlo, venderlo e… guadagnare. Il vostro testo sarà disponibile su Internet, potrete…

Continue Reading

Milan Kundera, le rotonde e il Maalox

Ogni scelta è un bivio, ogni strada che imbocco risuona delle voci di quelle che ho lasciato ad altri. Per non parlare degli incroci complessi, quelli a forma di asterisco. Se trovo verde è la fine: pochi secondi e devo prendere la direzione. Sarà per questo che ho sempre preferito le rotonde: gira gira gira……

Continue Reading

La bicicletta come mezzo di trasporto quotidiano

Si può davvero fare? Non ho ancora una risposta certa. Eppure l’ho fatto per anni. Quando ancora non avevo la patente e i miei non ne volevano sapere di comprarmi un motorino. La mia scuola stava a dieci chilometri da casa e i miei (poveri, quanti grattacapi!) mi facevano l’abbonamento per un autobus che non…

Continue Reading

Divieto di sosta. Cronaca di un ritorno

Quattordici mesi fa un aereo della Etihad, partito da Pechino una manciata di ore prima, mi ha scaraventato a terra all’aeroporto di Malpensa. Alla vigilia di un viaggio è logico essere carichi di aspettative. Ma non c’è meta sulla faccia della terra che metta allegria e angoscia come la propria casa, soprattutto se si è…

Continue Reading

Stiamo arrivando. Forse siamo già lì!

Quel pomeriggio di giugno me ne stavo seduto sui gradini d’ingresso del Viet Lotus Hotel a fissare la pioggia. Una pioggia battente che, sul centro di Hanoi come su tutta l’Indocina, avrebbe continuato a scendere per i prossimi tre mesi. Ma non era affar mio, questo lo sapevo: l’indomani Laura e io saremmo partiti in…

Continue Reading

Ultime da Pechino: tenetevi pronti

Leo, il mio collega cinese in Nuova Zelanda, mi aveva descritto la Cina come un paese sovrappopolato, caotico ai limiti dell’invivibile. Lui veniva da Pechino ed evidentemente non era mai stato al Sud. Probabilmente frequentava poco le remote zone di provincia, così come io non sono mai stato in Sardegna o in Basilicata. Qui ad…

Continue Reading