Dalla polvere all’amaca: il Mar dei Caraibi

Svegliati di buon ora dal caldo insopportabile di Lanquin, prepariamo gli zaini e andiamo a cercare un microbus che ci porti verso est, così da avvicinarsi poco a poco alla costa atlantica. Dopo le immancabili scene per il prezzo del passaggio (alla fine interviene un vecchio, che cazzia l’autista e pretende per noi un prezzo…

Continue Reading

Il 37

Ho appeso lo zaino al chiodo, per tre mesi: l’ho fatto per salvarlo dall’umidità. Poi ieri l’ho tirato giù e ci ho cacciato dentro tutto quel che di mio c’era nella stanza. Questa mattina presto (alle dieci) abbiamo preso il 37, meno timidamente che tre mesi fa, e ce ne siamo andati. Abbiamo assaggiato Città del…

Continue Reading

Mojoca Family, Voces de la calle (Voci della strada)

Para los amigos de Guatemala: Aquí estan las canciónes que grabamos en el taller de rap. Espero pronto poder editar el vídeo con las imágenes que ha tomado Laura.   Gracias a todos los que participaron, aprendí mucho de esta experiencia.  Sólo les digo una última cosa: como hicieron este CD en menos de un mes, ustedes pueden hacer muchas otras cosas. Sólo tienen que creer en sí mismos, enfrentar el miedo, luchar, siempre…

Continue Reading

Cose che succedono sotto casa (seconda parte)

Alfombra Il Venerdì Santo la avenida Elena, due corsie per senso di marcia, è chiusa al traffico. Per lunghe ore, fin dal mattino, uomini e donne dalle mani esperte hanno lavorato sotto il sole, chinati sull’asfalto, per disegnare la alfombras, gli enormi tappeti fatti di segatura colorata, fiori o frutta, ricchi di composizioni e decorazioni…

Continue Reading

Cose che succedono sotto casa (prima parte)

La 12 Calle A è una strada breve e di per sé tranquilla, una delle poche ad avere un inizio e una fine. Nel senso che nel reticolato di Città del Guatemala, fatto per lo più di strade parallele e perpendicolari che attraversano l’intera città, la 12A non è che una traversa della trafficata Avenida…

Continue Reading

Via dalla città II (Monterrico, Guatemala)

Ci siamo presi due giorni di vacanza. Non da soli: con tutto il personale del Mojoca, alle sette di giovedì mattina, siamo saliti sull’ex scuolabus statunitense, modello “Blue bird”. Puntualmente, siamo partiti con due ore di ritardo, aspettando quelli che per varie ragioni erano rimasti con la testa incollata al cuscino. Destinazione Monterrico, sulla costa…

Continue Reading

Carramba che ironia!

La sede del Mojoca Nel piccolo ufficio dell’équipe di strada, sempre in disordine nonostante la pulizia giornaliera che oggi per altro è toccata a me, c’è troppa gente per trovare un posto a sedere. Mi appoggio ad un mobiletto accanto alla porta d’entrata, spostando indietro col sedere il telefono tenuto insieme con lo scotch, le…

Continue Reading