Joe, crescere tra i mafiosi a Chicago

Al Capone Joe è un uomo sui settanta con un maglione mica tanto bello e una storia da raccontare. C’è un party questa sera nella casa di Redondo Beach: amici di vecchia data del padrone di casa si incontrano, forse per salutare insieme l’anno che arriva. Un fattorino ha portato due burritos lunghi un metro…

Continue Reading

Los Angeles

Io disapprovo Las Vegas Sono giornate grosse, intasate. Ti svegli e vai a letto e neanche ti sei accorto. Quindi dovrò essere sbrigativo, se non voglio che passi troppo tempo senza aver raccontato niente. Eravamo rimasti che saremmo migrati verso sud, insieme alle oche. E così è stato. Alla Union Station di Chicago abbiamo preso…

Continue Reading

Starnazzando verso Sud

Foto di Laura Pelliciari Siamo tornati alla base: di nuovo a Naperville. Stamane, cosa davvero insolita da queste parti, ci ha svegliati il frastuono: un centinaio di oche starnazzavano come dannate, in piedi sulla superficie del lago che durante la notte gli è ghiacciato sotto al culo. Mi sembrano sconcertate da questo fatto. Si radunano…

Continue Reading

New Orleans!

Eccoci nella nostra stanza di New Orleans. Spifferi, cesso sbreccato, quadro appeso a testa in giù. Il letto è enorme, direi tre piazze visti i tre cuscini in fila. Il designer ha pensato al verde scuro quale colore dominante (tende, fodere delle sedie, moquette) e alle crepe come motivo principale (ce n’è sul soffitto, sulle…

Continue Reading

Naperville

Foto di Laura Pelliciari Ce ne stiamo qui, a Naperville. In questa casa americana dalle grandi finestre. Mi metto al tavolo a scrivere qualcosa; inizio ad esplorare la musica nuova che ho portato con me da Boston. Jazz e rock: queste sono solo due delle piacevoli conseguenze dell’aver conosciuto Michael. Per arrivare qui abbiamo viaggiato…

Continue Reading

Lucky Star: tre giorni a New York

A New York ci andiamo con la Lucky Star, una compagnia di autobus gestita da cinesi. Ci lasciano giù in piena Chinatown e lì ritorniamo due giorni dopo per il rientro. Sedici dollari a testa andata e ritorno. L’affarone l’ha trovato Laura su Internet, in una delle sue lunghe ricerche fatte con un unica linea…

Continue Reading

L’uomo che si guardava le mani

Foto di Laura Pelliciari  L’uomo era seduto su una panchina, giù al Molo centrale di Boston. Era l’unico a starsene da solo a pensare ai fatti suoi, a parte me. Intorno un sacco di gente andava e veniva da tutte le parti. Uscivano a ondate dalla stazione della metro, entravano nei taxi, noleggiavano biciclette. Tanti…

Continue Reading

Meats: imparare l’inglese a Little Italy

Un negozio come gli altri: la porta, la vetrina, il bancone. L’insegna di lettere adesive rosse su fondo bianco dice MEATS. Dentro ci sono due uomini, hanno facce familiari. Uno dei due raccoglie ciò che esce dal tritacarne in fogli di carta bianca. L’altro ha i baffi. Fa i conti con una calcolatrice. File chilometriche…

Continue Reading